Home / Articoli / Consigli antitruffa







E’ da molto tempo che volevamo scrivere questo articulo, soprattutto dopo le centinaia di email che ci sono arrivate in redazione avvisandoci di possibili truffe. Risulta infatti che certe imprese di pompe funebri si comportano in modo scorretto con il fine di vendervi a tutti i costi i loro servizi funebri.
Avvisiamo che ci sono state (e sicuramente continueranno ad esserci) indagini svolte dalle Procure d’Italia per scoprire questi comportamenti illegali.

Tempo fa avevamo emesso il nostro primo DECALOGO ANTITRUFFA, cercando di sottolineare le cose più importanti da tenere in mente in un momento di dolore e tristezza (anche se sappiamo che è molto difficile). In questo articolo aggiungiamo qualche segnalazione in più.

CACCIATORI DI CLIENTI
Nelle strutture sanitarie, di cura, nelle camere mortuarie degli ospedali, etc… si sono viste persone appartenenti a imprese funebri aspettando il momento opportuno per avvicinarsi e vendere i loro servizi funebri. Sono dei veri e propri cacciatori (senza scrupoli) che utilizzano il nostro momento di fragilità emozionale. Per esempio possono richiedere documenti e carte per iniziare le procedure del servizio funerario fingendosi del personale della struttura sanitaria (in realtà nessuno deve chiedere nessun documento. E’ illegale). Oppure possono dire che in quella struttura sanita c’è una convenzione con la loro impresa funebre. O peggio ancora possono dire che in quella struttura sanitaria è obbligatorio contrattare i servizi della loro agenzia. Qualcuno, in modo più elegante, suggerisce che una certa azienda funebre è molto brava e, casualmente, offre un biglietto da visitia o volantini pubblicitari (che casualmente aveva in tasca). Tutti questi comportamenti sono vietati per legge, quindi se qualcuno dovesse comportarsi in questo modo potete denunciarlo tranquillamente alla Polizia o ai Carabinieri.

FORME MOLTO AGRESSIVE
Ci sono stati segnalati casi in cui l’azienda funebre incriminata parcheggia all’interno della struttura sanitaria il loro carro funebre, facendo credere, in modo subliminale, che sono gli addetti ai lavori quando si presentano casi di decessi.
In altri casi il personale dell’azienda funebre  è intervenuta nel momento del trasferimento della salma, facendo capire di essere il responsabile del trasporto.


 

REGOLA FONDAMENTALE
Dovete essere voi a contattare l’azienda di pompe funebri, e non al contrario. Quando un azienda di onoranze funebri vi contatta “casualmente” dopo un decesso significa che è un impresa che sta lavorando illegalmente.